σύγχρονα κινήματα · movimenti di oggi

Kobane, la resistenza curda fa arretrare l’Isis

alt

a

Mercoledì 15 Ottobre 2014 11:59

Kobane, la resistenza curda fa arretrare l’Isis

altContinua la resistenza a Kobane. Nelle ultime ore, i miliziani delle forze di difesa del popolo YPG/YPJ, che difendono la città e l’autogoverno praticato nella Rojava, nel nord della Siria, hanno lanciato un contrattacco contro l’Isis riconquistando alcune posizioni e togliendo la bandiera dello Stato islamico che era stata issata la scorsa settimana dai qaedisti su una collina strategica alle porte di Kobane. A riferirlo nella giornata di ieri, alcune fonti locali, mentre su Twitter residenti pubblicano foto dell’area ormai scevra da qualunque segno della presenza jihadista. Sintomo che a Kobane si continua a resistere e a conseguire alcuni obiettivi. Nel frattempo continuano i combattimenti strada per strada per impedire ai jihadisti di impadronirsi della città simbolo dell’ esperienza rivoluzionaria delle forze socialiste curde. Si sono verificati scontri ad ovest, dove era ospitato il quartier generale dell’Ypg, conquistato alcuni giorni fa dallo Stato islamico e dove un membro dell’Isis si è fatto esplodere nella giornata di ieri.

Significativo è l’atteggiamento che continua ad avere la Turchia continuando a ribadire di non voler intervenire fino a quando non gli verrà garantito di poter poi instaurare una zona cuscinetto, quindi di fatto occupare l’area e porre fine all’esperienza di autogoverno promossa dal PYD, alleate con il Partito dei lavoratori del Kurdistan (Pkk) che si batte da 30 anni contro la Turchia. L’opportunismo della Turchia viene accompagnato da duri attacchi alle forze del Pkk, dentro i suoi stessi confini. Aerei dell’Aviazione turca hanno bombardato la notte scorsa postazioni del Pkk nel sud-est del Paese: si tratta del primo bombardamento dal cessate il fuoco dichiarato dalle forze rivoluzionarie curde nel marzo del 2013. In seguito ai bombardamenti molte sono state le vittime di quella che viene considerata una ritorsione agli scontri tra forze turche e del Pkk tre giorni fa a Daglica. Con Obama che storce il naso, è fuor dubbio che in questo momento al presidente turco preme più bombardare le postazioni del Pkk, approfittando di questo momento, che non occuparsi dell’avanzata dell’Isis.

Intanto la Francia ha chiesto ad Ankara di aprire le frontiere per permettere ai combattenti curdi che vogliono andare a Kobane di passare. Le autorità turche hanno trascorso infatti l’ultima settimana ad aprire il fuoco contro chiunque si avvicinasse al confine con la Siria. Sono in tutto 13mila i rifugiati curdi bloccati alla frontiera, lasciando così morire molti feriti gravi ai quali è stato impedito l’accesso nel proprio territorio. E mentre la Turchia mostra ancora una volta la sua vera faccia, a Kobane, i e le resistenti curde continuano a combattere ostacolando l’avanzata dell’Isis, mentre torna a sventolare la bandiera dell’YPG curdo alle porte della città.

Σχολιάστε

Εισάγετε τα παρακάτω στοιχεία ή επιλέξτε ένα εικονίδιο για να συνδεθείτε:

Λογότυπο WordPress.com

Σχολιάζετε χρησιμοποιώντας τον λογαριασμό WordPress.com. Αποσύνδεση /  Αλλαγή )

Φωτογραφία Google

Σχολιάζετε χρησιμοποιώντας τον λογαριασμό Google. Αποσύνδεση /  Αλλαγή )

Φωτογραφία Twitter

Σχολιάζετε χρησιμοποιώντας τον λογαριασμό Twitter. Αποσύνδεση /  Αλλαγή )

Φωτογραφία Facebook

Σχολιάζετε χρησιμοποιώντας τον λογαριασμό Facebook. Αποσύνδεση /  Αλλαγή )

Σύνδεση με %s